A Multipolar World ðŸŒ

Photo by Pixabay

Reflections on Economy, Market and Society for the year to come*

The Human Advisor Project proposes some reflections on the year that is about to come. It is recommended to read the disclaimer note at the end of the text. The report is divided into short and summary paragraphs, please request in the comment section if you would like to deepen one or more of the topics below in future reports and articles. Let’s get started.

The evolution of Globalization

The era of the West as the center of the world is over. The new trend now, in the West, will be to consider the world as a two-pole world with a democratic bloc and an authoritarian bloc. However, this seems to be an overly simplistic and naive definition. The rise of alternative powers to the two US-CHINA blocs seems to be foreshadowing an evolution in the direction of a multipolar world within which exchanges of resources and services will continue both between blocs and within the blocs. The market will suffer from the moment of tension caused by this change, but in the long run it will benefit. Nationalist and populist movements will be able to arise and proliferate temporarily in the initial phase of this process, but clashing with the economic needs of global market union that will make them mature and/or lose ground in the medium and long term. It is also noteworthy that we are preparing to reach 10 billion people on planet earth in a few years, with all the challenges in terms of food supply, population density, migration, security, energy and pollution that this will bring.

Climate change and social justice

From Cop27, some main scenarios have emerged:
There is no agreement at global level on how to reduce emissions.
Europe is a leader in regulation with the US, which could supplant it as early as this year. At the moment, the focus seems to be on the rebalancing of social justice between developed and emerging countries, to the extent that the west will have to (would they already have to?) create and/or support the emerging countries in the process of adaptation to current climatic conditions (provoked mainly by the developed countries). A Cop28 more focused on decarbonization is expected next year.

War in Ukraine as a regional and non-world war

The war in Ukraine that seemed to result in a world-nuclear-war in the second quarter of 2022, now appears to have stabilized as a ‘regional’ war, only European. The consequences on the rest of the world are visible but not as much as if it had broken out a few decades ago. This makes us reflect on the role of an increasingly less central Europe at world level, that is, more and more a single subject among a multitude of subjects, political, economic and military, within a multipolar world.

The future monetary war

Strong dollar, weak euro, and other raising currencies. The Chinese digital currency is in the pipeline, which wants to become the main exchange currency of the BRICS countries (which would also like to incorporate Dubai). All this monetary ferment seems to foreshadow a future currency war. Among these currencies, one certainly represents the most ambiguous but interesting: Bitcoin. Much down from last year’s highs but very high compared to its pre-covid levels, with its strong assumptions and projections still very promising in the long term, despite the expensive and polluting mining issue.

Inflation and Central Banks

Inflation (to 70% due to the increase in the cost of food and energy due to the war in Ukraine) is the big issue of these last months. The loss of purchasing power of households is beginning to be felt and, while in America there is already talk of the ‘beginning of the end of inflation’, in Europe, although it seems that the peak has reached, high inflation will still seem to remain present throughout 2023, thus impacting the cost of living and eroding uninvested savings or money on the current accounts of savers. Central banks are running for cover, in fact, the FED and the ECB seem to want to continue to use the hard fist, raising interest rates on the money lent to the banks, which consequently raise mortgage rates, thus triggering a difficult situation for businesses and citizens. At the moment, inflation forecasts are not rosy for Europe. To run for cover, many think of lightening their liquidity by investing in the rising bond market or buying Real Estate, mainly in the ‘Logistics’ and Private Luxury sector (a big “No” for the commercial real estate sector in sharp devaluation from the pandemic).

Bear market

It is given by everyone as certain a more contained growth in the two-year period 2023/2024 with a “bear” or dormant market, or even in a slight decline in Europe (recession) and very light or absent in the USA. This would represent a significant disadvantage for investors who opened their market positions in 2021 who are now losing double-digit percentages, but a considerable advantage for those who want to open them (especially in solid stock) positions in the next year by buying on weaknesses.

Luxury

The crisis, as always, is not felt by the richest groups of society, which are becoming richer and richer and who, even driven by inflation, tend less and less to take liquidity on account and prefer to spend, and sometimes even invest, in the luxury sector. Although down from last year due to the war in Ukraine, buying a Rolex still means doubling if not tripling your investment at the exact time of purchase. In fact, a Steel Daytona purchased today at 12K€ from that elité that has access to the waiting lists of retailers, can be exchanged in the gray watch market for about 25/30K€. Watches thus become no longer tools but jewels: Swiss watchmaking houses are increasingly shifting towards the use of precious metals and sought-after mechanisms, raising customer entry-level prices to 20/30 thousand euros (comes to 7/8 a few years ago). This is also because of the total absorption of the market for ‘technical’ or ‘instrumental’ watches by the tech industry. Suffice it to say that Apple alone sells more watches per year comparing to the entire Swiss industry put together. Apple has recently come out with the first model of diving and hiking smartwatch. It is thus expected a gradual distancing of the Swiss industry from the ‘stainless steel’ to the luxury good in gold and diamonds or platinum (and an overvaluation of the Vintage given the poor availability of some models).

Layoffs, BigTech Crisis and Labour Market

However, very few are those who can afford to buy luxury goods, especially given the drastic increase in layoffs in the world due to the fear of recession and the bear market. In fact, the bear market bogeyman seems to have pushed the American technological giants to fire tens of thousands of workers. However, in the opinion of many analysts, this is not a strange fact, but a healthy and natural evolution of such companies that evidently, after a period of unicorn traction and over-price on the stock market, due to their boom and post-pandemic, begin to become more mature, solid, well-managed and therefore promising companies in the long term (and less volatile). Clearly this is devastating from the point of view of the workers concerned, but only if you think of the world of work in the ‘ancient’ way or the way in which it is necessary to work for a living. As automation is constantly advancing, the future scenario that is now facing with certainty is that of increasingly automated work and the creation of alternative subsidy tools to work such as universal income or UBI (Universal Basic Income). In this sense, Germany has begun working on the creation of a citizenship income to cover the loss of jobs of German citizens. Jobs that probably, in many cases, will not be get back. In contrast to Italy, which abolishes its already precarious citizenship income, but more for ideological reasons it seems and without putting tangible alternatives at the moment. So strong social and humanitarian crises are expected even in the West due to the reticence of the legislators to regularize this practice of “monthly non-repayable survival allowance” by the state to every citizen who will be (in academic circles and among the elité of American entrepreneurs it has already been mentioned for years as the only solution to unemployment from automation) the formula. 

Millennials and GenerationZ

Two generations face the world of work. Millennials and GenerazioneZ are the workers/citizens/leaders-politicians/entrepreneurs/investors of the present/future. In order to understand how these generations will approach business, economic, financial, social and political life, we must first consider what we know about them. Of the millennials (born between 1981 and 1996) we know that they are the most educated generation ever. This on the one hand pushes them to think they ‘already know everything’ even when in reality this is not the case. On the other hand, it pushes them to want to distinguish themselves, to want to emerge and to increase their wealth, cognitive, experiential, consumerist and financial. They are also very politicised in different countries of the world, but that is not necessarily why they are recognised in mainstream politics. Of GenerationZ (born between 1997 and 2012) what we know is that they are babies born with the ‘screen in the cradle’. They have never seen a program on television or read a paper newspaper and everything for them exists more in the virtual than in the real one, in the present extemporaneous rather than in the planned future. Social interactions are predominantly mediated between them by the technological medium, via chat (phone calls are considered an invasion). Their private sphere is very wide and the level of comfort they are used to is very high. Their attention lasts no more than 8 seconds and the enjoyment of one content for them is difficult to go beyond 15 minutes. GenerationZ is likely to be renamed CyberGeneration. The next one will continue that trend. 

Metaverse

In this perspective, the space for the birth of a new world is foreshadowed, first only imagined in science fiction novels and today already partial reality: the Metaverse. Meta, whose stock is down sharply today due to non-return spending policy, is the most interesting company to look at in this regard. It is in fact creating the platform and the device (i.e. software and hardware) through which all internet users in a medium and long-term time horizon will interface with the network for activities such as working, communicating, socializing, having fun, enjoying entertainment content (including those for adults), playing sports and much more. All from home, in your own comfort zone and without invading your private sphere, in line with the needs of GenerazioneZ. Other companies are chasing Meta in both America and China. Possible mergers are on the horizon in my opinion, so you will have to be careful, but investing in this sector (wide and not mono-company), over a time horizon of 10/15 years, could give very high returns.

Market prospects: crisis/opportunity

In addition to the metaverse and cryptocurrencies today at attractive prices, there are other interesting prospects in the market in my opinion:
EM Asia: The emerging countries of Asia and the Pacific are, according to almost all reports, the driving economies of the coming years followed by Nigeria (still risky and too immature politically).
Health care (home diagnosis and oncology immunology): In the health sector, there are excellent potential results in the medium to long term with regard to DIY diagnostics (home devices connected to the smartphone) and oncology immunology (cancer vaccines).
Pet: A close eye should be given to the sector that concerns pets and everything that revolves around them. In sharp rise and with great future potential.
Bond: Fixed coupon bonds are back. Certainly the most cautious investors will make use of it. Beware, however, to the fact that compared to the Bonds of a few years ago, these have some little more risks. It is therefore better to be cautious and always diversify.

The commitment of the HAP in the world: Ukraine Africa and Afghanistan 

Our commitment abroad remains strong on three fronts:
Ukraine: The situation of internal refugees, that is, the people who have been left homeless for the war, is very serious. The most important thing now is for us to intervene not only on a psychological but also socio-economic level. The people, as had been predicted by our report sent to President Draghi last February, have suffered devastating damage on all levels. It is necessary at this time to rehabilitate them psychologically but also to reintegrate them from a social and work point of view. Innovative poles must be created scattered throughout western Ukraine (it is possible that for a period there will be two Ukraines) where IDPs (internal disposable person) can start from scratch in safety and therefore live, work and socialize. Our head of Ukraine Emergency Dr. Viktor Vus now in Kiev is already on the front line on this front and in constant contact with me.
Africa: As far as the African continent is concerned, we have decided to focus on Rwanda and work on supporting adolescent mothers. Girls aged 13 to 18 who got pregnant due to rape or absence of sex education and who now find themselves being minors with minors dependent on them, no economic resources and no education. We will work to improve their conditions. Dr. Ronald Kimuli, head of Human Advisor Project Africa is already operational in this regard and in constant contact with me. 
Afghanistan: The situation in Afghanistan is disastrous. There are parents forced to drug their children to make them sleep. There is no food, there is no infrastructure and many have lost their homes as a result of natural disasters. As much as the issue of education is central to us in a country like Afghanistan, as can be seen from our policy paper, we are now focusing first on humanitarian aid. Dr. Noorwali Khpalwak is operating from Paris and we have a team on site in Kabul in constant contact with us led by Dr. Samiullah Ahmadzai.

The next summary report will presumably be published at the end of next year.

Dott. Gianpaolo Marcucci

President of the “Human Advisor Project”

*This text is to be considered a free reflection for study and research purposes. It is not to be considered scientific, commercial or informative material nor does it necessarily represent the thought of Gianpaolo Marcucci or the Human Advisor Project. Any consideration or forecast is considered valid only until the time of publication of this text i.e. November 30, 2022 at 14:00 GMT+1 and no later and may also change completely at any time thereafter. The conclusions reported in it were elaborated following studies and analysis of written, audio, video materials and reports from specialized institutes such as: ISPI, Julius Bär, JP Morgan, Goldman Sachs, Morgan Stanley, Bloomberg, Financial Times, Wall Street Journal, Sole 24 ore, Il fatto Quotidiano. Neither Gianpaolo Marcucci nor the Human Advisor Project is in any way responsible for the actions the reader will take as a result of reading this document. For additional info: Legal Team Human Advisor Project

Author: Gianpaolo Marcucci

 Il mondo 🌍 Multipolare 

Photo by Pixabay

Riflessioni su Economia, Mercato e Società per l’anno a venire*

Lo Human Advisor Project nella persona del presidente Gianpaolo Marcucci propone alcune riflessioni sull’anno che sta per arrivare a partire dall’anno passato. Si raccomanda di leggere la nota disclaimer alla fine del testo. Il report è diviso in brevi e sintetici paragrafi, si prega di richiedere nei commenti se si volesse approfondire uno o più temi tra i sotto riportati in futuri report e articoli. Iniziamo.

L’evoluzione della Globalizzazione

È finita l’epoca dell’occidente come centro del mondo. La tendenza ora dell’occidente sarà quella di considerare il mondo come a due poli, blocco democratico e blocco autoritario. Tuttavia questa sembra essere una definizione eccessivamente semplicistica e ingenua. L’ascesa di potenze alternative ai due blocchi USA-CINA sembra far presagire una evoluzione nella direzione di un mondo multipolare all’interno del quale si proseguiranno gli scambi di risorse e servizi sia tra blocchi che all’interno dei blocchi. Il mercato risentirà del momento di tensione provocato da questo cambiamento, ma alla lunga ne gioverà. Movimenti nazionalisti e populisti potranno sorgere e proliferare temporaneamente nella fase iniziale di questo processo, scontrandosi però con le necessità economiche di unione globale del mercato che li farà maturare e/o perdere terreno nel medio e lungo termine. Notabile anche che ci apprestiamo a raggiungere quota 10 miliardi di persone sul pianeta terra in pochi anni, con tutte le sfide in termini di approvvigionamento di cibo, densità di popolazione, migrazioni, sicurezza, energia e inquinamento che questo porterà.

Cambiamenti climatici e giustizia sociale

Dal Cop27 sono emersi alcuni principali scenari:
Non c’è nessun accordo a livello globale su come ridurre le emissioni.
L’Europa è leader nella regolazione con gli USA che potrebbero soppiantarla già quest’anno.
In questo momento l’attenzione sembra andare sopratutto verso il riequilibrio della giustizia sociale tra paesi sviluppati e emergenti, nella misura in cui i primi dovranno (avrebbero già dovuto?) creare e/o sovvenzionare strumenti di supporto per l’adattamento dei secondi alle attuali condizioni climatiche (provocate principalmente dai primi). L’anno prossimo ci si aspetta un Cop28 più incentrato sulla decarbonizzazione. 

Guerra in Ucraina come guerra regionale e non mondiale

La guerra in Ucraina che sembrava sfociare in guerra atomica mondiale nel secondo trimestre del 2022, appare essersi ora stabilizzata come una guerra “regionale” solo europea. Le conseguenze sul resto del mondo sono visibili ma non così tanto come se fosse scoppiata qualche decennio fa. Questo fa riflettere sul ruolo di un’Europa sempre meno centrale a livello mondiale, ovvero sempre più soggetto singolo tra una moltitudine di soggetti, politici, economici e militari, all’interno di un mondo, appunto, multipolare. 

La futura guerra monetaria 

Dollaro forte, Euro debole, e altre monete in salita. In cantiere la moneta digitale cinese che vuole diventare la principale valuta di scambio dei paesi del BRICS (che vorrebbero incorporare anche Dubai). Tutto questo fermento monetario pare prefigurare una guerra di valute. Tra queste valute, una sicuramente rappresenta la più ambigua eppur interessante: il Bitcoin. Molto in calo rispetto ai massimi dell’anno scorso ma molto in salita rispetto ai suoi livelli pre-covid, con i suoi presupposti ben saldi e le proiezioni ancora molto promettenti sul lungo termine, nonostante la questione mining costoso e inquinante.  

Inflazione e Banche Centrali
L’inflazione(al 70% per aumento del costo del cibo e dell’energia a causa della guerra in Ucraina)è il grande temadi questi mesi. La perdita di potere d’acquisto delle famiglie si inizia a far sentire e, mentre in America si parla già di “inizio della fine dell’inflazione”, in Europa, seppur pare che si sia toccato il picco, un’alta inflazione sembrerà restare ancora  presente per tutto il 2023, impattando così sul costo della vita ed erodendo i risparmi non investiti ovvero i soldi sui conti correnti dei risparmiatori. A correre ai ripari sono le banche centrali, FED E BCE infatti  pare in tal scendo vogliano continuare a usare il pugno duro, alzando i tassi di interesse sul denaro prestato alle banche, che di conseguenza alzano i tassi dei mutui e finanziamenti innescando così una situazione difficile per imprese e cittadini. Al momento le previsioni sull’inflazione non sono rosee per l’Europa. Per correre ai ripari in molti pensano di alleggerire la propria liquidità investendo nel mercato obbligazionario in risalita o acquistando Real Estate, prevalentemente nel settore della “Logistica” e del privato di Lusso (un secco no invece per il settore di immobili commerciali in netta svalutazione dalla pandemia). 

Bear market

È da tutti data come certa una più contenuta crescita nel biennio 2023/2024 con un mercato “orso” o dormiente, o addirittura in leggera flessione in Europa (recessione) e leggerissima o assente in USA. Questo rappresenterebbe uno svantaggio notevole per gli investitori che hanno aperto le loro posizioni su mercato nel 2021 che ora stanno perdendo percentuali a due cifre, ma un vantaggio non indifferente per chi vuole aprirle (sopratutto nell’azionario solido) posizioni nel prossimo anno acquistando sulle debolezze. 

Settore del Lusso

La crisi, come sempre, non è sentita dalle fasce più ricche della società, che diventano sempre più ricche e che, anche spinte dall’inflazione, tendono sempre meno a tenere sul conto liquidità e si deliziano, ma a volte anche investono, nel settore del lusso. Seppur in calo rispetto all’anno scorso a causa della guerra in Ucraina, ancora oggi acquistare un Rolex significa raddoppiare se non triplicare il proprio investimento al momento esatto dell’acquisto. Infatti un Daytona Acciaio acquistato oggi a 12mila€ da quell’elité che ha accesso alle liste di attesa dei rivenditori, si può scambiare nel mercato grigio degli orologi per circa 25/30 mila€. Gli orologi diventano così non più strumenti ma gioielli: le case svizzere di orologeria si stanno sempre più spostando verso l’uso dei metalli preziosi e di meccanismi ricercati, alzando i prezzi di entry level della clientela a 20/30 mila euro (contro i 7/8 di qualche anno fa e in Italia qualche milione di Lire di un tempo). Questo anche per il totale assorbimento del mercato degli orologi “tecnici” o “strumentali” da parte dell’industria Tech. Basti pensare che Apple da sola vende  all’anno più orologi dell’intera industria svizzera messa insieme. Apple è uscito da poco con il primo modello di smartwatch da immersione ed escursione. Si prevede così un distanziamento graduale dell’industria svizzera dallo “strumentale in acciaio” verso il bene di lusso in oro e diamanti o platino (e una supervalutazione del Vintage data la scarsa reperibilità di alcuni modelli).

Licenziamenti, Crisi del BigTech e mercato del lavoro

Pochissimi sono comunque coloro che possono permettersi di acquistare beni di lusso, sopratutto visto anche l’aumento drastico di licenziamenti nel mondo dovuto alla paura della recessione e del mercato orso. Proprio lo spauracchio del Bear Market infatti pare aver spinto i colossi tecnologici americani a licenziare decine di migliaia dei lavoratori. Questo a parere di molti analisti non rappresenta tuttavia una fatto strano, bensì un’evoluzione sana e naturale di tali compagnie che evidentemente, dopo un periodo di trazione da unicorno e di sovra-prezzamento in borsa dei titoli, dovuto al loro boom e al post pandemia, iniziano a divenire compagnie più mature, solide, ben gestite e quindi promettenti sul lungo termine (e meno volatili). Chiaramente questo è devastante dal punto dei vista dei lavoratori interessati, ma solo se si pensa al mondo del lavoro alla maniera “antica” ovvero  alla maniera per cui sia necessario lavorare per vivere. Essendo l’automazione in continuo avanzamento, lo scenario futuro che si prospetta ormai con certezza è quello di un lavoro sempre più automatizzato e della creazione di strumenti di sussidio alternativi al lavoro come il reddito universale o UBI (Universal Basic Income). In questo senso la Germania, economica europea di traino, ha iniziato i lavori per la creazione di un reddito di cittadinanza a copertura della perdita dei posti di lavoro dei cittadini tedeschi. Posti di lavoro che probabilmente, in molti casi non verranno ritrovati. In controtendenza l’Italia che abolisce il suo già precario reddito di cittadinanza, ma più per ragioni ideologiche pare e senza porre alternative tangibili al momento. Si prevedono così forti crisi sociali e umanitarie anche in occidente a causa della reticenza dei legislatori a regolarizzare tale pratica di “assegno mensile di sopravvivenza a fondo perduto” da parte dello stato ad ogni cittadino che sarà (negli ambienti accademici e tra l’elitè di imprenditori americani se ne parla già da anni come unica soluzione alla disoccupazione da automazione) la formula del futuro accanto all’automazione quasi-totale del lavoro. 

Millennials e Generazione Z

Due generazioni si affacciano al mondo del lavoro. Millennials e GenerazioneZ sono i lavoratori/cittadini/leader-politici/imprenditori/investitori del presente/futuro. Per comprendere come queste si approcceranno alla vita aziendale, economica, finanziaria, sociale e politica va considerato innanzitutto ciò che sappiamo di loro. Dei millennials (nati tra 1981 e 1996) sappiamo che sono la generazione più scolarizzata di sempre. Questo da un lato li spinge a pensare di “sapere già tutto” anche quando in realtà non è così. Dall’altro li spinge a volersi distinguere, a voler emergere e ad aumentare il proprio patrimonio, conoscitivo, esperienziale, consumistico e finanziario. Sono inoltre molto politicizzati in diversi paesi del mondo ma non per questo necessariamente si riconoscono nella politica mainstream. Della GenerazioneZ (nati tra 1997 e 2012) ciò che sappiamo è che sono bambini nati con lo “schermo nella culla”. Non hanno mai visto un programma in televisione o letto un giornale cartaceo e tutto per loro esiste più nel virtuale che nel reale, nell’estemporaneo presente più che nel futuro programmato. Le interazioni sociali sono tra di loro prevalentemente mediate dal mezzo tecnologico, via chat (le telefonate sono considerate un invasione di campo). La loro sfera privata è molto ampia e il livello di confort a cui sono abituati molto alto. Il loro span di attenzione dura non più 8 secondi e la fruizione di contenuti per loro è difficile che vada oltre i 15 minuti. La generazioneZ sarà probabilmente ribattezzata la CyberGeneration. Quella successiva proseguirà tale tendenza. 

Metaverso

In quest’ottica si prefigura lo spazio per la nascita di un nuovo mondo, dapprima solo immaginato nei romanzi di fantascienza e oggi già parziale realtà: il Metaverso. Meta, il cui titolo oggi è in forte calo a causa della politica di spesa senza rientro, è l’azienda più interessante da guardare in questo senso. Essa sta infatti creando la piattaforma e il device (ovvero il software e l’hardware) attraverso i quali tutti gli utenti internet in un orizzonte temporale a medio e lungo termine si interfacceranno alla rete per attività quali lavorare, comunicare, socializzare, divertirsi, fruire contenuti di intrattenimento (compresi quelli per adulti), fare sport e molto altro. Tutto da casa propria, nella propria zona di confort e senza invadere la propria sfera privata, in linea con le esigenze della GenerazioneZ. Altre compagnie stanno rincorrendo Meta sia in America che in Cina. Possibili fusioni sono all’orizzonte a mio avviso, bisognerà quindi essere cauti, ma investire in tale comparto (ampio e non mono-aziendale), su un orizzonte temporale di 10/15 anni, potrebbe dare rendimenti molto alti. 

Le prospettive del Mercato, crisi/opportunità

Oltre al metaverso e le criptovalute oggi a prezzi appetibili, ci sono altre prospettive interessanti sul mercato a mio avviso: 

EM asia: I paesi emergenti di Asia e Pacifico sono, secondo quasi tutti i report, le economiche di traino dei prossimi anni seguite dalla Nigeria (ancora rischiosa e troppo immatura politicamente). 

Health care (home diagnostic e immunologia oncologica): Nel settore sanitario, si registrano ottimi risultati potenziali nel medio-lungo per quanto concerne la diagnostica fai da te (dispositivi casalinghi collegati allo smartphone) e l’immunologia oncologica (vaccini per il cancro).  

Pet: Un occhio attento va dato al settore che riguarda gli animali da compagnia e tutto ciò che vi gira intorno. In netto rialzo e con grandi potenzialità future.  

Bond: Sono tornate le obbligazioni con cedola fissa. Di sicuro gli investitori più cauti ne faranno uso. Attenzione però al fatto che rispetto ai Bond di qualche anno fa, questi hanno qualche piccolo rischio in più. Meglio essere quindi cauti e sempre diversificare. 

L’impegno dell’HAP: Ucraina Africa e Afghanistan 

Il nostro impegno all’estero rimane forte su tre fronti:
Ucraina: La situazione dei rifugiati interni, ovvero le persone che per la guerra sono rimaste senza casa, è gravissima. La cosa più importante adesso è per noi intervenire non solo a livello psicologico ma anche socio-economico. Le persone, come era stato previsto dal nostro rapporto mandato a Febbraio scorso al presidente Draghi, hanno subito un danno devastante su tutti i piani. E’ necessario in questo momento riabilitarle psicologicamente ma anche reintegrarle dal punto di vista sociale e lavorativo. Vanno creati dei un poli innovativi sparsi per l’Ucraina  occidentale (è possible che per un periodo esisteranno due Ucraine) dove gli IDPs (internal disposable person) possano ripartire da zero in sicurezza e quindi abitare, lavorare e socializzare. Il nostro responsabile della Ukraine Emergency Dr. Viktor Vus ora a Kiev è già in prima linea su questo fronte e in costante contatto con me.
Africa: Per quanto concerne il continente Africano, abbiamo deciso di concentrarci sul Rwanda e lavorare sul supporto alle madri adolescenti. Ragazze dai 13 ai 18 anni che sono rimaste in cinta a causa di stupri o di assenza di educazione sessuale e che ora si ritrovano ad essere minori con minori a loro carico, nessuna risorsa economica e scarsa o nessuna educazione. Lavoreremo per migliorare le loro condizioni. Dr. Ronald Kimuli, head of Human Advisor Project Africa è già operativo in questo senso e in costante contatto con me.
Afghanistan: In Afghanistan la situazione è disastrosa. Ci sono genitori costretti a drogare i figli per farli dormire. Non c’è cibo, non ci sono infrastrutture e in molti hanno perso la casa a seguito di disastri naturali. Per quanto il tema dell’educazione sia per noi centrale in un paese come l’Afghanistan, come si evince dal nostro documento programmatico, ci stiamo concentrando per ora sull’aiuto umanitario. Dr. Noorwali Khpalwak è operativo da Parigi e abbiamo una squadra in loco a Kabul in costante contatto con noi guidata dal Dr. Samiullah Ahmadzai.

Il prossimo rapporto riassuntivo sarà pubblicato presumibilmente alla fine del prossimo anno.
Cordialità Vivissime al lettore e forza di cuore a tutti. 

Dott. Gianpaolo Marcucci

Presidente dello “Human Advisor Project”

*Questo testo è da considerarsi una libera riflessione a scopo di studio e ricerca. Non è da considerarsi materiale scientifico, commerciale o divulgativo né rappresenta necessariamente il pensiero di Gianpaolo Marcucci o dello Human Advisor Project. Ogni considerazione o previsione è ritenuta valida solo fino al momento della pubblicazione di questo testo ovvero il 30 novembre 2022 alle ore 14:00 GMT+1 e non oltre e potrebbe cambiare anche totalmente in qualsiasi momento da allora. Le conclusioni riportate in esso sono state elaborate a seguito dell’ascolto, la lettura, lo studio e l’analisi di materiali scritti, audio, video e report di istituti specializzati quali: ISPI, Julius Bär, JP Morgan, Goldman Sachs, Morgan Stanley, Bloomberg, Financial Times, Wall Street Journal, Sole 24 ore, Il fatto Quotidiano. Né Gianpaolo Marcucci né lo Human Advisor Project è in alcun modo responsabile delle azioni che il lettore intraprenderà a seguito della lettura in qualsiasi campo. Per info aggiuntive: Legal Team Human Advisor Project

Author: Gianpaolo Marcucci

Human Advisor Stories

Here we present our Human Advisor Stories, the stories of those people we choose to represent our spirit in their being excellence in their field around the world. Science, Human Rights, Art, Culture, Politics, Religion, All the sphere of the Human Being is admitted. To share your story you can send a request here: humanadvisorproject@gmail.com.

For 2023 we have chosen Naelia (Eliana Antonia Tumminelli) a music artist who brings with here a message of peace.

Here’s her story:

NAELIA

The audio is low quality, to listen the song click here for Spotify

Compositrice colorata, infanzia nel giardino degli aranci, dove nascono i fiori, e adolescenza a San Lorenzo dove hanno trasformato i palazzi in cenere, faremo rinascere i fiori in questo inverno… Di questi tempi è difficile usare le parole e il coraggio, ma mi sono svegliata con una fitta nel petto e ho scritto questo brano. Spero che la genuinità dei bambini possa essere coscienza dei ”grandi”.

Eliana Tumminelli, aka NaElia, singer-songwriter, dancer and performer, was born in Catania on 20-06-1989. As a child she takes her bags and moves from her land to Rome to study and cultivate her passion for dance, music and art. Eclectic his artistic training, from theater, to music, to dance, graduated from the National Academy of Dance in Rome.

On July 1, 2004 she was awarded the International Professionalism Prize “Rocca D’Oro di Serrone”, as a young talent, receiving the sculpture by Ambrosetti.

In 2008 she self-produced her first album-promo È Senza Senso

Already among the six finalists, of which only three have access, to participate in the RAI (National Italian Television) Xfactor 4^ TV Talent show, Magnolia production, 80,000 presences.

Ettore Maria Garozzo photo


Here’s her last album

Here’s her Spotify Page

BACK TO THE HOMEPAGE

Italian Youth Deviance Intervention

The Ministers of Internal Affairs and Justice, with Transcrime Research Center and Sacro Cuore University made a wonderful job in studying and reporting the presence and activity of baby gangs in Italy.

With the Scentific Committee of the Human Advisor Project we decide to activate a program of intervention about this phenomenon, working of what we elaborated could be the most important cause: Italian Young Generation is completely lost and not listened to, from years.

For that, our program aims to get in touch with young generations in difficult areas, mix with them, get to know them, listen to them (focusing on the North-East of Italy) and better understand the phenomenon and the possible intervention that need to be implemented, mostly about education but also about education to self-awareness, compassion, mindfulness and emotional intelligence, making them aware of the world they are creating for themselves and help them to face the uncertainty of this historic moment.

The program is not public because of safety reasons. Results will be published in the next two years.

Mindful Police and Military Forces Program


The “Mindful Police and Military Forces Program“ consists in teaching Mindfulness and Emotional Intelligence to our great police and military forces all over the world.

Our program is aimed to: 

  • Increase officers efficiency 
  • Increase officers ability to do the right action in critical situations
  • Increase “choice-space” between stimulus and response
  • Decrease judgmental biases in decision making process
  • Significantly reduce stress, anxiety and depression generator factors
  • Significantly improve sleep quantity and quality and the capacity to sleep when needed
  • Develop the skills officers need to de-escalate volatile situations
  • Improve community relations both in peace and in war zone
  • Significally increase ability of negotiating in hard situations

Our courses are conducted by our best teachers, some of them also involved in the treatment of Cancer Patients with the use of the same tools and techniques in cooperations with LILT and ASUFC in the region of Friuli Venezia-Giulia (Italy). 

But why, in a moment like that, would Military, Police, Nurses, Fire-Fighters and First Responders needs to quickly develop high levels of “Mindfulness and Emotional Intelligence” Skills? 

Try to question yourself about this 3 simple scenarios:

  • When does an accident take place? When you are in a controlled situation, lab or drill situation, with everything you need to solve the criticality that the accident causes ready to be used…or when you are on duty, in the field, or at home with your family or even alone? And are you aware of all the chance you have in any situation to experience that accident, and of what to do to cope with it? 
  • When does an injury or a physical breakdown takes place? When you are comfortable sitting or laying in a Hospital full of medics and nurses ready to care about you…or else when you are on duty, in the field, or at home with your family or even alone? And are you aware of all the chance you have in any situation to experience that injury, and of what to do to cope with it? 
  • When does a mental breakdown take place? When you are comfortable sitting over laying in a Mental Health Facility surrounded by psychologists and psychiatrists ready to intervene and help you…or else when you are on duty, in the field, or at home with your family or even alone? And are you aware of all the chance you have in any situation to experience that breakdown, and of what to do to cope with it? 


And do you know that if you are not aware of the bias of your mind, those bias can easily overcome you and make you become an “always on the edge” person that, like a time-bomb, can implode/explode and lose all productivity at once, all of a sudden, maybe right in the middle of an important task or mission?

The 3 scenarios that I reported before represent 3 different kind of skills that you may lack of:
– Awareness of the environment
– Awareness of the body (yours and others)
– Awareness of the mind (yours and others)

In a moment of uncertainty such as this one, it is impossible to simply “stick on the plan” or “follow the protocol” because many times there are no plans and many times the protocol is only theoretical. 

What is needed is a direct connection with what happens in the very moment things happen, and that can only be given by strong “awareness skills”.

Awareness and Mindfulness are synonyms. And as you know, since you are human, emotions can and will get in the way between you and your capacity to discern which is the best option. 

From that, our programs are about both Mindfulness and Emotional Intelligence.

Only a Mindful And Emotional Intelligent Mind can cope with any situation without getting involve with it and do always the best possible action. During an accident, in first aid emergency, in war or in quickly-escalating police operations, a Mindful and Emotionally intelligent mind can always act in the best way

All our works are supported by solid scientific studies. We leave some scientific notes about our program, useful for the reader:

The studies examined evidenced that police officers who went through mindfulness training experienced less depression in their first year of service and also “significant improvement in self-reported mindfulness, resilience, police and perceived stress, burnout, emotional intelligence, difficulties with emotion regulation, mental health, physical health, anger, fatigue, and sleep disturbance.” (Christopher 2016,2018). 

In a recent article about a very interesting study conducted by the University of Wisconsin emerged that:

“Mindfulness training led to significant reductions in psychological distress and mental health symptoms, consistent with previous RCTs demonstrating reduced anxiety and depression symptoms (Trombka et al., 2021), burnout and perceived stress (Christopher et al., 2018), and negative affect (Krick and Felfe, 2019). We provide the first evidence of reduced PTSD symptoms in an RCT of mindfulness training for police officers, consistent with findings from an earlier single-arm pilot study (Grupe et al., 2021a). This result is notable given high exposure to direct and vicarious trauma in policing, and the serious and potentially deadly consequences of unmitigated trauma exposure for police officers (Syed et al., 2020) and members of the public (Chemtob et al., 1997; Weiss et al., 2012). We also observed a modest improvement in sleep quality with mindfulness training that was significant at 3-month follow-up (see also Christopher et al., 2018). Improved sleep may benefit both police officer health and community well-being. For example, North American police officers who screened positive for sleep disorders (40% of the sample) not only had increased rates of diabetes, heart disease, and depression, but were more likely to express anger at work, fall asleep while driving, and incur citizen complaints (Rajaratnam et al., 2011).  Mindfulness training was associated with a reduction in the CAR at 3-month follow-up, consistent with results from a previous RCT in police officers (Christopher et al., 2018). Although the CAR is generally thought of as an adaptive anticipatory response to prepare for the upcoming day (Powell and Schlotz, 2012), exaggerated responses are associated with excessive worry, burnout, and depression (Schlotz et al., 2004;” (Grupe &Co 2021)

Furthermore, is directly Officer Richard Goerling, a police lieutenant is Hillsboro, Oregon, who works with fellow police officers to increase their well-being through mindfulness, who says in a recent interview that often officers:

“Instead of understanding the impacts of stress, anger, or fear, [are forced by habit to] try to tamp down those emotions or ignore them, which keeps them from understanding the effect of emotion on performance “It’s classic compartmentalizing, saying, ‘I don’t let my emotions get in the way,’” says Goerling. “Yeah, right. But what happens if those emotions spike up out of the little box and get in the way, creating problems in the encounter with others?” (Suttie 2016). 

And he added about mindfulness in critical situations that: 

“Mindfulness opens up the space in which we make decisions—we’re not so linearly focused or so stressed because we are under threat,” he says. “We may still be under threat, but because I’m regulating my stress response and my emotions—anger, fear, and ego, which is a huge problem in our culture—I’m more aware of my options.”

Mindfulness and emotional intelligence are now crucial instruments for police officers all over the world and we find very important to present to our Italian Forces the opportunity to have those kind of abilities in their set of skills.

Primary References

– Christopher, M.S., Goerling, R.J., Rogers, B.S. et al. A Pilot Study Evaluating the Effectiveness of a Mindfulness-Based Intervention on Cortisol Awakening Response and Health Outcomes among Law Enforcement Officers. J Police Crim Psych 31, 15–28 (2016). https://doi.org/10.1007/s11896-015-9161-x

– Christopher MS, Hunsinger M, Goerling LRJ, Bowen S, Rogers BS, Gross CR, Dapolonia E, Pruessner JC. Mindfulness-based resilience training to reduce health risk, stress reactivity, and aggression among law enforcement officers: A feasibility and preliminary efficacy trial. Psychiatry Res. 2018 Jun;264:104-115. doi: 10.1016/j.psychres.2018.03.059. Epub 2018 Mar 23.

– Daniel W. Grupe1, Jonah L. Stoller, Carmen Alonso, Chad McGehee, Chris Smith, Jeanette A. Mumford, Melissa A. Rosenkranz and Richard J. Davidson (2021). The Impact of Mindfulness Training on Police Officer Stress, Mental Health, and Salivary Cortisol Levels 

Clinical Trial published: 03 September 2021 doi: 10.3389/fpsyg.2021.720753 

– Jill Suttie, Psy.D, How Mindfulness Is Changing Law Enforcement

Meditation is helping police officers to de-escalate volatile situations, improve community relations—and improve their own well-being, MAY 18, 2016: on https://greatergood.berkeley.edu/

Other References

– Andersen, J. P., and Gustafsberg, H. (2016). A training method to improve police use of force decision making: a randomized controlled trial. SAGE Open 6, 1–13. doi: 10.1177/2158244016638708 

– Ballenger, J. F., Best, S. R., Metzler, T. J., Wasserman, D. A., Mohr, D. C., Liberman, A., et al. (2011). Patterns and predictors of alcohol use in male and female urban police officers. Am. J. Addict. 20, 21–29. doi: 10.1111/j. 1521-0391.2010.00092.x 

– Black, D. S., and Slavich, G. M. (2016). Mindfulness meditation and the immune system: a systematic review of randomized controlled trials. Ann. N. Y. Acad. Sci. 1373, 13–24. doi: 10.1111/nyas.12998 

– Browning, C. R., Tarrence, J., LaPlant, E., Boettner, B., Schmeer, K. K., Calder, C. A., et al. (2021). Exposure to police-related deaths and physiological stress among urban black youth. Psychoneuroendocrinology 125:104884. doi: 10.1016/j.psyneuen.2020.104884 

– Burke, K. C. (2020). Democratic policing and officer well-being. Front. Psychol. 11:874. doi: 10.3389/fpsyg.2020.00874 

– Buysse, D. J., Reynolds, C. F., Monk, T. H., Berman, S. R., and Kupfer, D. J. (1989). The Pittsburgh sleep quality index: a new instrument for psychiatric practice and research. Psychiatry Res. 28, 193–213. doi: 10.1016/0165-1781(89)90047-4 

– Carleton, R. N., Afifi, T. O., Turner, S., Taillieu, T., Duranceau, S., LeBouthillier, D. M., et al. (2017). Mental disorder symptoms among public safety personnel in Canada. Can. J. Psychiatr. 63, 54–64. doi: 10.1177/0706743717723825 

– Chemtob, C. M., Novaco, R. W., Hamada, R. S., Gross, D. M., and Smith, G. (1997). Anger regulation deficits in combat-related posttraumatic stress disorder. J. Trauma. Stress. 10, 17–36. doi: 10.1002/jts.2490100104 

– Chopko, B. A., Palmieri, P. A., and Adams, R. E. (2018). Trauma-related sleep problems and associated health outcomes in police officers: a path analysis. J. Interpers. Violence 36, NP2725–NP2748. doi: 10.1177/0886260518767912 

 

President Gianpaolo Marcucci

How to prevent the next pandemic (ENG)

After two years of pandemic, Bill Gates delivers a book that in about three hundred pages can serve as both a warning and a handbook for the future. How to prevent the next pandemic, published on 3 May by the Allen Lane publishing house, has been the talk of the town since its release. The Coronavirus pandemic, in fact, has not yet died out and continues to plague governments around the world with its social, political, health and economic implications, but Mr. Gates is already looking to the future, trying to find an answer to the existential question that also gives this book its title ‘How can we prevent the next pandemic?

The Microsoft founder is firmly convinced – and personally, after reading his book, I find myself agreeing with him – that by learning from the current pandemic and implementing a series of strategies for the future, we can avoid the outbreak of a global health crisis like the one caused by Covid-19.

Based on the shared views of the world’s leading experts and his own experience fighting deadly diseases through the Gates Foundation, in How to prevent the next pandemic Bill Gates clearly and convincingly sets out the importance of being better prepared for the spread of new viruses.

The book consists of nine chapters plus an Introduction and an Afterword, the core of which revolves around the idea that while epidemics are inevitable, pandemics are optional. The world, therefore, in Gates’ thinking should not live in fear of the next pandemic, but should make the right investments for the benefit of all, with a view to making Covid-19 the last pandemic ever.

As many will recall, Bill and Melinda Gates have been committed to fighting the virus from the earliest days, collaborating with experts inside and outside the Gates Foundation who have been fighting infectious diseases for decades. This commitment inevitably led Mr. Gates to reflect on many factors in the pandemic response that could have been faster and more efficient.

Starting with the fact that respiratory viruses, including influenza and coronaviruses, are particularly dangerous because they spread very quickly, Bill Gates explains that the likelihood of a pandemic striking the world is steadily increasing; partly because human beings with urbanisation are encroaching on countless natural habitats and, as a result, interacting with animals more often, creating the conditions that allow a disease to pass from animal to human. In addition to this, another key point to consider is the lack of technical preparedness that all countries around the world have generally shown in responding to the virus. Back in 2015, during a speech at the TED conference entitled “The next epidemic? We’re not ready”, Gates had emphasised the importance of planning for all kinds of scenarios – from vaccine research to the training of health workers – to prevent the outbreak of increasingly dangerous viruses. Reflecting this importance, How to Prevent the Next Pandemic sets out how governments, scientists, companies and individuals can build a system capable of containing the inevitable outbreaks so that they do not turn into pandemics. Specifically, each chapter of the book explains a different step to take in order to be ready, and together, all these steps form a plan to eliminate future pandemics and reduce the likelihood that society will have to go through another Covid-19.

The first chapter traces the importance of learning from the pandemic caused by Covid-19. The starting point is swift action. It is no coincidence that many of the countries that experienced low excess mortality – Australia, Vietnam, New Zealand, South Korea – at the start of the pandemic quickly tested a large portion of the population, abruptly isolated individuals who tested positive and those who had been exposed to the virus, and put in place a plan to track, monitor, and manage cases that crossed their borders. Of course, Gates explains, just as some countries show us what to do and how to act, others show us the opposite. Not everyone did the right thing. Some people refused to wear a mask or vaccinate. Some politicians have denied the seriousness of the disease and avoided implementing the necessary closures to stop the spread of the virus.

Another fundamental point, repeatedly emphasised by the author, is that investing in innovation today will pay off in the future. In this regard, in the second chapter Gates emphasises the importance of putting in place a global body of experts whose task is to study how to respond to diseases that could kill thousands of people. Simply put, the world has never before invested in the mechanisms needed to prevent future pandemics and now is the time to do so.

Today, there are many organisations working to respond to pandemics, the best known being the Global Outbreak Alert and Response Network (GOARN) which does heroic work but does not have the personnel, funds or global mandate to deal with any threat.

What Bill Gates therefore advocates is the creation of a permanent organisation of experts, fully paid and prepared to organise, at any time, a coordinated response to any dangerous outbreak. Mr. Gates proposes to call this group GERM – Global Epidemic Response and Mobilisation – and to fill it with experts from all over the world with a wide range of expertise (epidemiology, genetics, diplomacy, logistics, computer models, communication, etc.) who, when not actively working in the field, are based in the public health agencies of individual countries, in the regional offices of the WHO, and at the headquarters in Geneva.

Several times throughout the book, Gates explains how the most important job of this team would be to help run epidemic response exercises to see if the world is ready for the next big pandemic. However, GERM’s impact would not be limited to stopping pandemics, the group would also improve overall health worldwide, especially in poorer countries.

Another important part of prevention is to study and constantly monitor the spread of different viruses. Indeed, with the right investment and preparation, we will be able to rapidly test large numbers of people during an epidemic in the future. A rapid and efficient response is inevitably linked to the development of digital data collection systems so that public health offices can keep abreast of the situation in their communities, as well as the ability of governments around the world to establish working relationships with infectious disease experts from both the public and private sectors.

In the fourth chapter, the author explores an issue that has plagued countless countries and governments over the past two pandemic years: the need to teach and help people to protect themselves and others. The most useful way we can all do our part is through so-called ‘non-pharmaceutical inventions’ – NPIs – (masks, sanitisers, lockdowns, etc.). The irony of NPIs is that the more useful and effective they are, the easier they are to criticise. However, as our recent past shows, lockdowns – for example – have allowed the world’s economies to recover faster, simply by forcing people to stay indoors and thus saving lives. Of course, not everything that governments have implemented during the current pandemic has been right, nor will it be necessary in the future to repeat every single action taken in the fight against Covid-19. In particular, Gates focuses on the closure of schools, emphasising that schools will not need to be closed for extended periods of time in the future, especially if the world community is able to provide vaccines for everyone within six months.

However, what works for one place or country does not necessarily work for another. Lockdowns are a clear example of this disparity. As explained by the author, social distancing and lockdowns work more for wealthier countries and neighbourhoods; this is because wealthier people tend to work jobs that do not require them to travel and go out to work and because they can afford to stay indoors. Consequently, just as it is important to develop and implement the study of new vaccines, new tests for infectious diseases, and new treatments, it is equally important to work on the inequalities that afflict the global community and that, consequently, slow down the fight against future pandemics. Both locally and globally. A further recurring theme of the book is that the global community does not have to choose between preventing future pandemics or implementing global health: these are in fact mutually reinforcing. The greatest medical breakthrough of this pandemic – and one of the most important in recent decades – was the creation of vaccines against Covid-19. One study found that in the first year they saved more than 1 million lives and prevented 10 million hospitalisations in the US alone. The creation and distribution of the vaccines has been quite rapid, yet there are a number of problems that need to be solved before the next potential pandemic arrives, such as the huge disparity between those who have been vaccinated and those who have not. It is important to remember that the speed with which the vaccines against Covid-19 were implemented depends largely on a matter of ‘luck’. In fact, coronaviruses had already caused two previous outbreaks (SARS and MERS), allowing scientists to learn a great deal about the structure of the virus. In particular, the scientific community – before 2020 – had already identified Covid’s characteristic spike protein – the crown-like spikes of the virus of which countless images have been disseminated – as a potential target for vaccines, so when it came time to create new vaccines, scientists suddenly realised which part of the virus was most vulnerable to attack. In the next outbreak,’ Mr Gates warns us, ‘we might not be so lucky. It could be caused by a virus that scientists have not yet studied.

That is why, according to the author, the global community must adopt a serious plan for the development, production and distribution of new vaccines to prevent another pandemic. However, it is good to keep in mind the difficulty and especially the high costs of such processes. Production alone is a huge challenge: to avoid the inequalities we have seen in Covid-19, the world will have to be able to produce enough vaccines for everyone on the planet within six months of the discovery of a new pathogen (around 8 billion doses for a single-dose vaccine and 16 billion for a two-dose version). To do this, Bill Gates proposes – in chapter six – a four-step plan, starting with accelerating the invention of new vaccines.

All this inevitably requires a lot of practice. ‘Practice, practice, practice’, not surprisingly, is how the author wanted to call the next chapter, in which he advocates a series of simulation plans for the future that will help the global community prevent future pandemics from breaking out. So, just as countless governments spend millions on military exercises, so too should they in the future invest in health exercises that will make us all better prepared should another virus spread. Such exercises will not only be useful in preventing further pandemics, but will also help governments to be prepared in the event of a bioterrorist attack (which is the deliberate use of biological agents – such as viruses, bacteria or toxins – in actions against public safety). The very possibility of a bioterrorism attack is one of the reasons why governments around the world should invest more money in research, study and prevention of diseases that can ‘go global’. Inevitably, investments of public money – as well as the ability to cope with crises – are easier and more possible in richer countries, which greatly contributes to widening inequalities between developed and undeveloped or developing countries. In this regard, Mr. Gates proposes for the immediate future to start decreasing the gaps between rich and poor countries, especially in the area of public health since “where we live and how much money we have determines the chances we have of dying young or becoming wealthy adults”. Narrowing the gaps between wealthier and poorer countries not only helps to eliminate inequities in health and healthcare, but also helps to prevent the spread of new pandemics. Thus, both rich and poor countries benefit.

In conclusion, Bill Gates reminds us that investing public money in planning and preventing new pandemics will make people healthier, save lives and reduce the health gap between rich and poor, even when the world is not actually facing an active epidemic. How to prevent the next pandemic is therefore a handbook, an opportunity not only to prevent things from getting worse, but also to make them better. “We must not give up,” says Mr Gates, “living in perpetual fear of another global catastrophe. But we must be aware of this possibility and be willing to do something about it. I hope the world seizes this moment and invests in the necessary steps to make Covid-19 the last pandemic’.

Personally, I found reading this book extremely interesting, but above all enlightening. Reading How to prevent the next pandemic made me realise how many things are often taken for granted nowadays, especially for people like me who live in developed countries. From the distribution of vaccines to the possibility of finding sanitary devices or swabs, everything is easier if we just leave the house and walk a few metres to find a pharmacy. The Covid-19 pandemic affected every country in the world without distinction, but the ability of governments to respond to it was inevitably related to the type of country (rich or poor, developed or underdeveloped). I believe, therefore, that reading this handbook – as it should be read – can be extremely useful, both for individuals and for governments themselves.

Francesca Teresi

How to prevent the next pandemic (ITA)

Dopo due anni di pandemia, Bill Gates ci consegna un libro che in circa trecento pagine può fungere sia da monito che da manuale per il futuro. How to prevent the next pandemic, pubblicato lo scorso 3 maggio dalla casa editrice Allen Lane, ha fatto parlare di sé sin dal momento della sua divulgazione. La pandemia da Coronavirus, infatti, non si è ancora estinta e continua ad affliggere i governi di tutto il mondo con le sue implicazioni sociali, politiche, sanitarie ed economiche, ma Mr. Gates rivolge già il suo sguardo al futuro, cercando di trovare una risposta all’esistenziale domanda che da anche il titolo a questo libro “Come possiamo prevenire la prossima pandemia?”. Il fondatore di Microsoft è fermamente convinto – e personalmente, dopo aver letto il suo libro, mi trovo d’accordo con lui – che imparando dall’attuale pandemia e mettendo in atto una serie di strategie per il futuro, potremo evitare il divampare di una crisi sanitaria globale come quella causata dal Covid-19.

Basandosi sulle opinioni condivise dei maggiori esperti mondiali e sulla propria esperienza nella lotta alle malattie mortali attraverso la Fondazione Gates, in How to prevent the next pandemic Bill Gates espone in modo chiaro e convincente l’importanza di essere più preparati al diffondersi di nuovi virus.

Il libro si articola in nove capitoli più un’Introduzione ed una Postfazione, il cui nucleo fondamentale ruota attorno all’idea che se da una parte le epidemie sono inevitabili, dall’altra le pandemie sono facoltative. Il mondo, quindi, nel pensiero di Gates non deve vivere nella paura della prossima pandemia, ma deve fare i giusti investimenti a beneficio di tutti, nell’ottica di rendere il Covid-19 l’ultima pandemia di sempre.

Come molti ricorderanno, Bill e Melinda Gates si sono impegnati nella lotta al virus fin dai primi giorni, collaborando con esperti interni ed esterni alla Fondazione Gates che da decenni combattono le malattie infettive. Questo impegno ha inevitabilmente portato Mr. Gates a riflettere su molti fattori della risposta alla pandemia che avrebbero potuto essere più veloci ed efficienti.

Partendo dal fatto che i virus respiratori, inclusi influenza e coronavirus, sono particolarmente pericolosi poiché si diffondono molto rapidamente, Bill Gates ci spiega che le probabilità che una pandemia colpisca il mondo sono in continuo aumento; in parte perché l’essere umano con l’urbanizzazione sta invadendo innumerevoli habitat naturali e, di conseguenza, interagisce con gli animali più spesso creando le condizioni che permettono ad una malattia di passare dall’animale all’uomo. Oltre a ciò, altro punto fondamentale da considerare è l’assenza di preparazione tecnica che in generale tutti i paesi del mondo hanno dimostrato nel rispondere al virus. Già nel 2015, nel corso di un discorso alla conferenza TED intitolato The next epidemic? We’re not ready, Gates aveva sottolineato l’importanza di pianificare ogni tipo di scenario – dalla ricerca sui vaccini alla formazione degli operatori sanitari – per evitare il divampare di virus sempre più pericolosi. Ricalcando tale importanza, How to prevent the next pandemic espone come governi, scienziati, aziende ed individui possono costruire un sistema in grado di contenere gli inevitabili focolai così da evitare che questi si trasformino in pandemie. Nello specifico ogni capitolo del libro spiega un diverso passo da compiere per essere pronti e, nell’insieme, tutti questi passi costituiscono un piano per eliminare future pandemie e ridurre le probabilità che la società debba attraversare un altro Covid-19.

Il primo capitolo ricalca l’importanza dell’imparare dalla pandemia causata dal Covid-19. Il punto di partenza è costituito da un’azione repentina. Non a caso, molti dei paesi che hanno avuto un basso eccesso di mortalità – Australia, Vietnam, Nuova Zelanda, Corea del Sud – all’inizio della pandemia hanno testato rapidamente una grande parte della popolazione, isolato repentinamente gli individui risultati positivi e quelli che erano stati esposti al virus, e messo in atto un piano per tracciare, sorvegliare e gestire i casi che avevano attraversato i loro confini. Ovviamente – spiega Gates – così come alcuni paesi ci mostrano cosa fare e come agire, altri ci mostrano il contrario. Non tutti hanno fatto la giusta cosa. Alcune persone si sono rifiutate di indossare la mascherina o di vaccinarsi. Alcuni politici hanno negato la gravità della malattia ed evitato di mettere in atto le chiusure necessarie ad arrestare la diffusione del virus.

Un altro punto fondamentale, più volte rimarcato dall’autore, è che investire nell’innovazione oggi ripagherà in futuro. A questo proposito, nel secondo capitolo Gates sottolinea l’importanza di mettere in campo un corpo globale di esperti il cui compito è studiare come rispondere a malattie che potrebbero uccidere migliaia di persone. In poche parole, il mondo non ha mai investito prima nei meccanismi necessari a prevenire future pandemie ed ora è il momento di farlo.

Oggi, le organizzazioni che lavorano per rispondere alle pandemie sono molte, la più nota è sicuramente la Global Outbreak Alert and Response Network (GOARN) che svolge un lavoro eroico senza tuttavia avere il personale, i fondi o il mandato globale necessari ad affrontare ogni minaccia.

Ciò che dunque Bill Gates auspica è la creazione di un’organizzazione permanente di esperti, completamente retribuiti e preparati ad organizzare, in qualsiasi momento, una risposta coordinata ad un’eventuale epidemia pericolosa. Mr. Gates propone di chiamare questo gruppo GERM – Global Epidemic Response and Mobilization – e di riempirlo di esperti provenienti da tutto il mondo con un’ampia gamma di competenze (epidemiologia, genetica, diplomazia, logistica, modelli informatici, comunicazione, ecc..) i quali, quando non lavorano attivamente sul campo, sono basati nelle agenzie di salute pubblica dei singoli Paesi, negli uffici regionali dell’OMS e nella sede centrale di Ginevra.

A più riprese nel corso del libro, Gates spiega come il lavoro più importante di questo team sarebbe quello di aiutare a gestire le esercitazioni di risposta alle epidemie per verificare se il mondo è pronto per la prossima grande pandemia. Tuttavia, l’impatto del GERM non si limiterebbe a fermare le pandemie, il gruppo, infatti, migliorerebbe anche la salute generale in tutto il mondo, soprattutto nei Paesi più poveri.

Un’altra parte importante della prevenzione è rappresentata dallo studiare e tenere sotto controllo costante il diffondersi dei diversi virus. Infatti, con i giusti investimenti e la giusta preparazione in futuro, durante un’epidemia, saremo in grado di testare rapidamente un elevato numero di persone. Una risposta rapida ed efficiente è inevitabilmente connessa allo sviluppo di sistemi di raccolta dati digitali così da permettere agli uffici di salute pubblica di essere sempre aggiornati sula situazione della propria comunità, nonché alla capacità dei governi di tutto il mondo di stabilire relazioni lavorative con esperti di malattie infettive provenienti sia dal settore pubblico che da quello privato.

Nel quarto capitolo, l’autore approfondisce una tematica che nel corso di questi ultimi due anni di pandemia ha afflitto innumerevoli paesi e governi: la necessità di insegnare ed aiutare le persone a proteggere sé stesse e gli altri. Il modo più utile con cui tutti noi possiamo fare la nostra parte è costituito dalle cosiddette “invenzioni non farmaceutiche” – NPI – (mascherine, igienizzanti, lockdown, ecc..). L’ironia delle NPI è che più sono utili ed efficaci, più è facile che vengano criticate. Tuttavia, come il nostro recente passato dimostra, i lockdown – ad esempio – hanno permesso di alle economie mondiali di riprendersi più velocemente, semplicemente obbligando le persone a stare in casa e salvando così delle vite. Ovviamente, non tutto ciò che i governi hanno messo in atto nel corso dell’attuale pandemia è stato giusto, né tanto meno sarà necessario in futuro ripetere ogni singola azione compiuta nella lotta al Covid-19. In particolare, Gates si focalizza sulla chiusura delle scuole, sottolineando come per l’avvenire non sarà necessario chiuderle per periodi di tempo prolungati, soprattutto se la comunità mondiale sarà in grado di fornire vaccini per tutti nel corso di 6 mesi.

Tuttavia, ciò che funziona per un posto o un paese non funziona necessariamente anche per un altro. I lockdown sono un chiaro esempio di tale disparità. Come spiegato dall’autore, il distanziamento sociale e le chiusure forzate funziona maggiormente per i paesi ed i quartieri più ricchi; questo perché le persone più ricche fanno tendenzialmente lavori che non li obbligano a spostarsi e ad uscire per andare a lavorare e perché possono permettersi di stare chiusi in casa. Di conseguenza, così come è importante sviluppare ed implementare lo studio di nuovi vaccini, nuovi test per le malattie infettive e nuovi trattamenti, allo stesso modo è importante lavorare sulle disparità che affliggono la comunità globale e che, di conseguenza, rallentano il contrastare future pandemie. Sia a livello locale, sia a livello globale.

Un ulteriore tematica ricorrente del libro è che la comunità globale non deve scegliere se prevenire le future pandemie o implementare la salute globale: queste infatti si rinforzano a vicenda.

La più grande scoperta medica di questa pandemia – nonché una delle più importanti degli ultimi decenni – è stata la creazione dei vaccini contro il Covid-19. Uno studio ha rilevato che nel primo anno hanno salvato più di 1 milione di vite e impedito 10 milioni di ricoveri solo negli Stati Uniti.

La creazione e la distribuzione dei vaccini è stata piuttosto rapida, tuttavia ci sono una serie di problemi che necessitano di essere risolti prima che arrivi la prossima potenziale pandemia, come l’enorme disparità tra chi è stato vaccinato e chi no.

È importante ricordare che la rapidità con cui i vaccini contro il Covid-19 sono stati messi in atto dipende in buona parte da una questione di “fortuna”. I coronavirus, infatti, avevano già causato due precedenti epidemie (SARS e MERS), consentendo agli scienziati di imparare molto sulla struttura del virus. In particolare, la comunità scientifica – prima del 2020 – aveva già identificato la caratteristica proteina spike del Covid – le punte del virus simili a una corona di cui sono state diffuse innumerevoli immagini – come un potenziale bersaglio per i vaccini, così quando è arrivato il momento di creare nuovi vaccini, gli scienziati hanno repentinamente capito quale parte del virus era più vulnerabile all’attacco. Nella prossima epidemia – ci mette in guardia Mr. Gates – potremmo non essere così fortunati. Potrebbe essere causata da un virus che gli scienziati non hanno ancora studiato.

Ecco perché, secondo l’autore, la comunità globale deve adottare un piano serio per lo sviluppo, la produzione e la distribuzione di nuovi vaccini per prevenire un’altra pandemia. Tuttavia, è bene tenere a mente la difficoltà e soprattutto i costi elevati di tali processi. La sola produzione è una sfida enorme: per evitare le disuguaglianze che abbiamo visto nel Covid-19, il mondo dovrà essere in grado di produrre vaccini sufficienti per tutti gli abitanti del pianeta entro sei mesi dalla scoperta di un nuovo agente patogeno (circa 8 miliardi di dosi per un vaccino a dose singola e 16 miliardi per una versione a due dosi). Per fare questo Bill Gates propone – nel sesto capitolo – un piano in quattro fasi, a partire dall’accelerazione dell’invenzione di nuovi vaccini.

Tutte ciò necessita inevitabilmente di molta pratica. “Practice, practice, practice”, non ha caso così l’autore ha voluto chiamare il capitolo successivo, nel quale auspica per il futuro una serie di piani di simulazione che aiuteranno la comunità globale ad evitare l’esplodere di future pandemie. Dunque, così come innumerevoli governi spendono milioni in esercitazioni militari, allo stesso modo dovranno in futuro investire in esercitazioni sanitarie che ci renderanno tutti più preparati qualora un altro virus dovesse diffondersi. Tali esercitazioni saranno utili non solo a prevenire ulteriori pandemie, bensì aiuteranno anche i governi ad essere preparati nel caso di attacchi di Bioterrorismo (che consiste nell’utilizzo intenzionale di agenti biologici – come virus, batteri o tossine – in azioni contro l’incolumità pubblica). Proprio la possibilità di un attacco di bioterrorismo è una delle ragioni per cui i governi di tutto il mondo dovrebbero investire più denaro nella ricerca, nello studio e nella prevenzione di malattie che possono “diventare globali”. Inevitabilmente, gli investimenti di denaro pubblico – così come la capacità di affrontare le crisi – sono più semplici e possibili nei paesi più ricchi, fatto che contribuisce enormemente ad acuire le disparità tra paesi sviluppati e paesi non sviluppati o in via di sviluppo. A questo proposito Mr. Gates propone per l’immediato futuro di cominciare a diminuire le distanze tra i paesi ricchi e i paesi poveri, soprattutto in ambito di salute pubblica dato che “dove viviamo e quanti soldi abbiamo, determinano le possibilità che abbiamo di morire giovani o diventare adulti abbienti”. Diminuire le distanze tra i paesi più o meno abbienti non solo contribuisce ad annullare le ingiustizie in termini di salute e sanità, ma aiuta anche a prevenire il diffondersi di nuove pandemie. Dunque, ne beneficiano sia i paesi ricchi sia i paesi poveri.

In conclusione, Bill Gates ci ricorda che investire denaro pubblico nel pianificare e nel prevenire nuove pandemie renderà le persone più sane, salverà vite e ridurrà il divario sanitario tra ricchi e poveri, anche quando il mondo non sia effettivamente di fronte a un’epidemia attiva. How to prevent the next pandemic rappresenta dunque un manuale, un’opportunità non solo per impedire che le cose peggiorino, ma anche per migliorarle. “Non dobbiamo arrenderci – dice Mr. Gates – a vivere nella perenne paura di un’altra catastrofe globale. Ma dobbiamo essere consapevoli di questa possibilità ed essere disposti a fare qualcosa. Spero che il mondo colga questo momento e investa nei passi necessari per rendere il Covid-19 l’ultima pandemia”.

Personalmente ho trovato la lettura di questo libro estremamente interessante, ma soprattutto illuminante. Leggere How to prevent the next pandemic mi ha fatto capire quante cose vengono spesso date per scontate oggigiorno, specialmente per chi come me vive in paesi sviluppati. Dalla distribuzione dei vaccini alla possibilità di trovare dispositivi sanitari o tamponi, tutto è più semplice se ci basta uscire di casa e fare pochi metri per trovare una farmacia. La pandemia da Covid-19 ha colpito tutti i paesi del mondo senza distinzioni, ma la capacità dei governi di rispondere a tale crisi è stata inevitabilmente correlata alla tipologia di paese (ricco o povero, sviluppato o sottosviluppato). Credo, dunque, che la lettura di questo manuale – come tale dovrebbe essere letto – possa rivelarsi estremamente utile, tanto per i singoli individui quanto per i governi stessi.

Francesca Teresi

La doppia natura di TikTok

Lo scorso marzo una coalizione di procuratori provenienti da 8 Stati statunitensi (Massachusetts, California, Florida, Kentucky, Nebraska, New Jersey, Tennessee e Vermont) ha annunciato l’apertura di un’indagine sulla piattaforma cinese TikTok per capire se i metodi e le tecniche utilizzate dal social possano arrecare danni su giovani ed adolescenti. 

Il social network cinese, lanciato inizialmente nel 2016 con il nome di Musical.ly, ha conosciuto un incremento notevole nel corso del 2020 complice anche la pandemia da Covid-19; il social è infatti divenuto estremamente popolare tra preadolescenti e adolescenti soprattutto grazie alle misure di isolamento anti-contagio. Tale popolarità ha portato con sé una serie di conseguenze e preoccupazioni, con l’Unione Europea che ha chiesto la creazione di una task force dedicata a mettere in guardia utenti e non solo dai rischi del social cinese. Ma cosa rende TikTok così popolare? Innanzitutto per navigare sulla piattaforma non è necessario aprire un account, basta infatti scaricare l’app per visualizzare tutti i contenuti presenti sul social, dopodiché ci si troverà davanti video con una durata che va dai 15 ai 60 secondi arricchiti da canzoni, effetti sonori e visivi estremamente attrattivi. La fase di registrazione è la prima che ci si trova davanti quando viene scaricata una nuova piattaforma ed è estremamente importante, basta richiedere un’informazione personale di troppo per perdere un potenziale utente. Avendo eliminato questa fase TikTok si rende immediatamente utilizzabile già dopo l’installazione, catturando l’interesse delle fasce più giovani di età notoriamente inclini ad una veloce perdita di interesse (circa il 66% degli utenti è di età inferiore ai 30 anni).

Dai colori all’impostazione, l’app di TikTok è stata realizzata con l’intento di intrattenere gli utenti e farli rimanere sulla piattaforma il più a lungo possibile. Chiunque lo abbia utilizzato almeno una volta, infatti, sa quanto sia difficile smettere di scorrere i video uno dopo l’altro. Tutto ciò ha senza dubbio un impatto rilevante sulle nostre vite personali e professionali, influenzando il modo in cui comunichiamo, restiamo connessi e condividiamo informazioni. Già nel luglio 2019 – prima ancora che la pandemia da Coronavirus ne accentuasse l’uso – il numero di utenti attivi sui social media in tutto il mondo aveva raggiunto i 3,534 miliardi, di cui si stima oltre 500 milioni siano attivi su TikTok.

Tuttavia, se da un lato il social cinese possa sembrare solo un’app divertente, dall’altro non devono essere tralasciati gli effetti ancora sconosciuti sulla salute soprattutto di giovani e giovanissimi. 

Diversi studi, infatti, hanno dimostrato che un uso eccessivo dei social media può essere specchio e coadiuvante di una depressione. Nella maggior parte dei casi le preoccupazioni legate agli effetti negativi dei social si riferiscono alle ripercussioni per i più piccoli ad esempio in termini di cyberbullismo o challenge pericolose (di cui parleremo successivamente). Sebbene tali pericoli siano concreti e la maggior parte della narrativa pubblica sugli effetti dei social media affermi che la sola esposizione ad essi sia legata a problemi di salute mentale, uno studio condotto da Chloe Berryman, Christopher J. Ferguson e Charles Negy ha rilevato che la qualità piuttosto che la quantità dell’uso ha un impatto maggiore. 

Nell’ultimo decennio, l’aumento del disagio mentale e del trattamento delle condizioni di salute mentale tra i giovani è cresciuto proporzionalmente ad un forte aumento di partecipazione “inconsapevole” nei social media da parte di bambini e adolescenti. In particolare, diversi studi hanno scoperto che spesso, l’uso inconsapevole dei social media è associato a preoccupazioni per l’immagine corporea e ad un’alimentazione disordinata. 

Negli ultimi anni il susseguirsi di fatti di cronaca legati all’app ha messo TikTok al centro di severe polemiche da parte dell’opinione pubblica, soprattutto genitori e parenti, intimoriti dai pericoli in cui i più piccoli possono incappare. Indubbiamente la paura principale è legata alle cosiddette Challenge, ossia sfide pericolose, pubblicate e divenute estremamente virali su Tik Tok, dove chi vi aderisce è chiamato ad agire in modo estremo, il tutto documentato su un video per ottenere like, consensi e follower. 

D’altro canto, però, oltre ai potenziali effetti negativi, l’utilizzo di social media come TikTok porta con sé anche esiti positivi come la possibilità di conoscere direttamente fatti ed eventi che accadono nel mondo o di conoscere ed entrare in contatto con esperienze di persone nelle quali ci si rispecchia. In tal senso, un esempio importante è rappresentato dai benefici che la comunicazione sanitaria tramite TikTok ha avuto nel contrastare la pandemia da Coronavirus. I dipartimenti di sanità pubblica hanno, infatti, sfruttato i vantaggi offerti dai social media per fornire educazione sanitaria e per comunicare con i cittadini circa i rischi del contagio. L’isolamento forzato, resosi necessario per arrestare la diffusione del virus, ha comprensibilmente fatto aumentare il tempo “non educativo” trascorso sullo schermo permettendo agli individui, soprattutto ai più giovani, di rimanere connessi con il mondo esterno mentre i mezzi di comunicazione più convenzionali diventavano sempre più impraticabili. La diffusione tramite la piattaforma cinese di informazioni riguardanti il virus, i rischi del contagio e la prevenzione, ha dimostrato di essere un mezzo fondamentale per i professionisti per educare e sfatare la fake news sul COVID-19.  

Da un punto di vista aziendale, grazie alla sua grande popolarità, TikTok rappresenta una piattaforma con elevato potenziale in termini di marketing e pubblicità. Non è un caso che sempre più aziende aprano un profilo sul social cinese o si servano di influencer e personaggi molto popolari per vendere e sponsorizzare i propri prodotti. Questo nuovo metodo di fare pubblicità porta ovviamente notevoli vantaggi, data la rapidità e l’immediatezza di TikTok come strumento vincente per la comunicazione online soprattutto verso un pubblico di giovanissimi. Inoltre, fare pubblicità sul social media risulta particolarmente semplice ed efficiente: basta riprendersi con uno smartphone, aggiungere una base musicale o un filtro accattivante, e condividere il video all’interno della community. 

La piattaforma di per sé è stata ideata contemporaneamente come un meccanismo economico al servizio di mercati multilaterali e come infrastruttura online che permette agli utenti di svolgere particolari tipi di attività. Per supportare queste attività TikTok ha anche lanciato un programma “Back to Business” che sovvenziona le piccole e medie imprese fino a 2.000 dollari di credito pubblicitario per lanciare campagne pubblicitarie sulla piattaforma, nonché la Marketing Application Programming Interface (API) che permette agli inserzionisti di monitorare le metriche chiave e misurare il successo delle loro campagne TikTok. Successivamente, per attirare un maggior numero di utenti il social media diversifica la creazione di contenuti attraverso l’uso di hashtag e challenges. 

Con la popolarità della piattaforma in continua crescita a moltiplicarsi sono anche le convergenze politiche e le azioni di regolamentazione dei vari governi. In particolare TikTok si trova ad affrontare due serie di sfide normative: la policy e la sicurezza dei dati e la regolamentazione dei contenuti. 

Infatti, con una base di utenti costituita principalmente da giovani ed adolescenti la protezione dei dati e della privacy degli iscritti è continuamente sotto l’occhio vigile delle autorità di regolamentazione della privacy. A detta dell’azienda cinese i dati degli utenti sono classificati in tre differenti gruppi: informazioni personali, contenuti generati dagli utenti e interazioni degli utenti. Nello specifico, le prime sono quelle informazioni fornite dagli utenti quando registrano nuovi account (indirizzo e-mail, posizione, età, ecc..), i secondi comprendono i contenuti video prodotti dagli utenti e, infine, gli ultimi contengono i dati su come gli utenti si impegnano nell’interazione sociale su TikTok (amici, like, condivisioni, ecc..). Oltre ad informazioni come età, nome, e-mail o numero di telefono, durante l’uso TikTok raccoglie anche altri dati comportamentali come informazioni di pagamento, servizi di terze parti e dati di localizzazione al fine di migliorare i prodotti e i servizi offerti, offrire la personalizzazione o fornire promozione e marketing. Dopo aver raccolto questi dati, la piattaforma si avvale di un sistema di intelligenza artificiale che analizza dati e contenuti per definire se i video riscuotono successo tra gli utenti, probabilmente basandosi su attributi come engagement e tempo di visualizzazione. Infine, tale intelligenza artificiale propone poi agli utenti dei video basandosi su quelli che ritiene essere i loro interessi. 

Tuttavia, soprattutto negli ultimi mesi, l’aumento della disinformazione su TikTok e, in generale, su molti social (Facebook, Instagram, Twitter, ecc…) ha generato crescenti preoccupazioni circa la necessità di controllare e regolare i contenuti dannosi presenti sulla piattaforma. Altri social media, come Facebook e Twitter, adottano diverse misure (moderazione automatica dei contenuti, fact-checking e flagging) per combattere la diffusione di fake news e contenuti pericolosi, allo stesso modo anche TikTok applica diversi strumenti per individuare e moderare i contenuti fuorvianti e offensivi. Tuttavia, la linea tra combattere la disinformazione e manipolare l’informazione è estremamente sottile. Ad esempio, si è scoperto che TikTok ha moderato i video relativi alle proteste di Hong Kong e Tiananmen ed ha impiegato moderatori di contenuti nella Cina continentale, il che ha sollevato domande riguardo al fatto che il social media potrebbe adottare la moderazione dei contenuti per far avanzare alcuni programmi e politiche. Tutto ciò, ovviamente, non riguarda soltanto la piattaforma cinese, ma anche ogni altro social media. Basti fare l’esempio dello scandalo Cambridge Analytica che vide la manipolazione di milioni di utenti di Facebook durante le presidenziali americane del 2016 per favorire Donald Trump, o i dubbi di molti utenti della piattaforma Twitter a seguito dell’acquisto di essa da parte di Elon Musk (che tuttavia ha dichiarato di averla acquistata per garantire una maggiore libertà di espressione e non una linea particolare). 

Ma chi o cosa decide quali video verranno visualizzati da ogni utente? La pubblicità ha indubbiamente origini antiche, tuttavia considerando il volume attuale del mercato della pubblicità online può sembrare strano che si tratti in tal caso di un fenomeno recente. A discapito di questa storia breve, la vita dell’advertising su internet è stata frenetica fin da subito. Si pensi al fatto che all’inizio degli anni ’90 gli investimenti in marketing online erano quasi nulli e al fatto che nel 2014 siano arrivati ad oltre 121 milioni di dollari. In particolare, tra il 1999 e il 2000 moltissime attività – dalle più grandi fino alle più piccole – cominciarono ad aprire siti web e ad investire denaro nelle strategie di marketing online con l’obiettivo di attirare traffico e potenziali clienti verso i propri spazi digitali. La svolta vera e propria è poi arrivata con la comparsa delle Adwords, quando nel 2000 Google lanciò il suo sistema di annunci rivoluzionando per sempre il modo di fare pubblicità. Successivamente, nel 2005 – anno in cui, tra l’altro, viene lanciata la prima pubblicità su Facebook (nato nel 2004) – YouTube rivoluzionò nuovamente la storia dell’advertising cominciando a promuovere la partecipazione del consumatore attraverso alcune funzioni interattive dei video che potenziavano la comunicazione audiovisiva. La rivoluzione di YouTube offriva un’ottima opportunità per i brand, tanto che poco dopo – nel 2009 – grazie ad un accordo con esso Google lanciò una nuova versione della pubblicità basata sugli utenti. Dunque, l’advertising online comincia con la nascita e la diffusione dei social media stessi e riguarda ogni piattaforma, non solo TikTok.

TikTok, di proprietà della società tecnologica cinese Bytedance, è un’applicazione che tutti possono scaricare gratuitamente sul proprio smartphone e come tale si arricchisce vendendo alle aziende pubblicità altamente mirata. Ciò che però molti potrebbero non sapere, mentre con ingenuità scorrono un video dopo l’altro, è che nel frattempo l’app raccoglie orde di dati su di loro. Questi dati vengono poi inseriti in algoritmi di analisi estremamente avanzati che forniscono a TikTok informazioni circa i contatti, la localizzazione, gli interessi e, ancor più importante, i consumi di ogni singolo utente. Tutto questo consente all’applicazione di fornire pubblicità estremamente mirata su base individuale. 

Detto ciò una qualsiasi pubblicità per essere efficace deve essere vista e rivista e quale miglior spazio se non quello di una piattaforma dove l’utente medio spende circa due o tre ore al giorno? È ormai risaputo, infatti, che i social media in generale producano assuefazione, essendo creati sulla base di un “modello di estrazione dell’attenzione” che influenza il comportamento degli users invogliandoli a rimanere connessi. La dipendenza causata dai social media si avvale del rilascio di dopamina che un video, un like, una notifica o un follow hanno sul nostro cervello, tuttavia il solo fatto di essere presenti su un social media e di farne uso non crea dipendenza e non ha necessariamente esiti negativi sulla salute mentale dell’individuo. Ciò, infatti, si verifica – soprattutto nel caso del disagio giovanile – in casi in cui vi sono delle pregresse condizioni di mancanze affettive, carenze emotive, problematiche nelle interazioni sociali e così via. Dunque, i social media non sono necessariamente pericolosi e dannosi, bensì lo possono diventare se ne viene fatto un uso scorretto da parte di soggetti, soprattutto giovanissimi, che non vengono educati al loro uso.

Come gli altri social media anche TikTok ha quale modello imprenditoriale quello di tenere le persone attaccate allo schermo e, per fare questo, sfrutta il desiderio di ognuno di noi di avere contatti sociali ed essere accettato cercando di capire come ottenere la massima attenzione da ognuno. In un certo senso potrebbe sembrare uno scambio equo: gli utenti trovano online tutta una serie di servizi apparentemente gratuiti, mentre gli inserzionisti (che pagano tali servizi) si fanno pubblicità sulle piattaforme stesse dove vendono i propri prodotti e traggono profitto. Tuttavia, per rendere una campagna marketing il più efficace possibile gli inserzionisti hanno bisogni di una moltitudine di dati che sono raccolti ed analizzati proprio dai social media. Si tratta di un nuovo tipo di mercato che ha reso le società come TikTok tra le più ricche della storia. Questo di per sé non è un problema, la pubblicità non è un male. Il problema è che più soldi investe un’inserzionista sulla propria campagna più questa raggiungerà gli utenti e sarà efficace, il che inevitabilmente avvantaggia le aziende e gli individui con maggiori possibilità economiche. 

In conclusione, alla luce di quanto emerge dal nostro osservatorio sul fenomeno, Gianpaolo Marcucci in qualità di Presidente dello Human Advisor Project ha preso la recente decisione di organizzare delle campagne di sensibilizzazione ed educazione all’uso dei social media che si terranno in varie scuole ed istituti del territorio italiano. L’idea è quella di non demonizzare a priori i social media, che sono ormai uno strumento fondamentale nelle società odierna, ma di insegnare i più giovani a sfruttarne al massimo le potenzialità in maniera consapevole ed utile.

Francesca Teresi